Categorie
Cinema e spettacolo

Oscar 2022: candidati e vincitori

(Leggenda: corsivo -> candidaturagrassetto -> vincitore)

Giorno 28 marzo, si è tenuta la 94° cerimonia di premiazione cinematografica al Dolby Theatre (Hollywood), ovvero gli Oscar. Questa cerimonia è stata veramente importante in quanto simboleggia un briciolo di “normalità” dovuta alle situazioni degli anni precedenti (causa l’emergenza SARS- Covid19). In questo articolo, stilo il resoconto della serata più famosa di Hollywood:

Miglior film:

  • “I segni del cuore”, film diretto da Sian Heder;
  • “Dune”, diretto da Denis Villeneuve;
  • „Belfast“, diretto da Kenneth Branagh;
  • “Il potere del cane”, diretto da Jane Campion;
  • “Una famiglia vincente – King Richard”, diretto da Reinaldo Marcus Green;
  • “La fiera delle illusioni – Nightmare Alley”, film diretto da Guillermo del Toro;
  • “Don’t look Up”, diretto da Adam McKay;
  • “Drive My Car”, film straniero diretto da Ryūsuke Hamaguchi.
  • “Licorice Pizza”, diretto da Paul Thomas Anderson;
  • “West Side Story”, film diretto da Steven Spielberg.

Miglior attore protagonista:

  • Will Smith, in “Una Famiglia Vincente – King Richard”;
  • Javier Bardem, in “A proposito dei Ricardo”;
  • Andrew Garfield, in “Tick, Tick… Boom”;
  • Benedict Cumberbatch, in “Il potere del cane”;
  • Denkel Washington, in “Macbeth”.

Miglior attrice protagonista:

  • Jessica Chastain, in “Gli occhi di Tammy Faye”;
  • Nicole Kidman, in “A proposito di Ricardo”;
  • Olivia Colman, in “La figlia oscura”;
  • Kristen Stewart, in “Spencer”;
  • Penélope Cruz, in “Madres paralelas”.

Miglior regista:

  • Jane Campion, regista de “Il potere del cane”;
  • Steven Spielberg, regista di “West Side Story“;
  • Kenneth Branagh, regista di “Belfast“
  • Ryūsuke Hamaguchi, regista di “Drive My Car”
  • Paul Thomas Anderson, regista di “Licorice Pizza”.

Miglior attore non protagonista:

  • Troy Kotsur, in “I segni del cuore”;
  • Ciaràn Hinds, in “Belfast”;
  • Kodi Smit-McPhee, in “Il potere del cane”;
  • J.K Simmons, in “A proposito di Ricardo”;
  • Jesse Plemons, in “Il potere del cane”.

Miglior attrice non protagonista:

  • Ariana DeBose, in “West Side Story”;
  • Aunjanue Ellis, in “Una famiglia Vincente – King Richard”;
  • Kirsten Dunst, in “Il potere del cane”;
  • Jessie Buckley, in “La figlia oscura”;
  • Judi Dench, in “Belfast”.

Miglior film straniero:

  • “Drive My Car”, film straniero diretto da Ryūsuke Hamaguchi;
  • “È stata la mano di Dio”, film diretto da Paolo Sorrentino;
  • “Flee”, diretto da Jonas Poher Rasmussen;
  • “Lunana: Il viaggio alla fine del mondo”, diretto da Pawo Choyning Dorji;
  • “La persona peggiore del mondo”, diretto da Joachim Trier.

Miglior film d’animazione:

  • “Encanto”, diretto da Byron Howard;
  • “I Mitchell contro le macchine”, diretto da Phil Lord;
  • “Luca”, diretto da Enrico Casarosa;
  • Flee”, diretto da Jonas Poher Rasmussen;
  • “Raya e l’ultimo drago”, diretto da Carlos Lòpez Estrada.

Miglior canzone originale:

  • “No Time To Die”, Billie Eilish & Finneas O’Connell;
  • “Be Alive”, Beyoncè & Dixson;
  • “Dos Oruguitas”, Lin-Manuel Miranda & Sebastiàn Yatra;
  • “Somehow You Do”, Diane Warren & Reba McEntire;
  • “Down to Joy”, Van Morrison.

Migliore sceneggiatura originale:

  • “Belfast”, Kenneth Branagh;
  • “La persona peggiore del mondo”, Joachim Trier, Eskil Vogt;
  • “Don’t Look Up”, Adam McKay, David Sirota;
  • “Licorice Pizza”, Paul Thomas Anderson;
  • “Una famiglia vincente – King Richard”, Zach Baylin.

Migliore sceneggiatura non originale:

  • “I segni del cuore”, Sian Heder;
  • “Drive My Car”, Ryusuke Hamaguchi, Takamasa Oe;
  • “Il potere del cane”, Jane Campion;
  • “La figlia oscura”, Maggie Gyllenhaal;
  • “Dune”, Dennis Villeneuve, Eric Roth, Jon Spaihts.

Miglior fotografia:

  • “Dune”, Greig Fraser;
  • “Macbeth”, Bruno Delbonnel;
  • “La fiera delle illusioni – Nightmare Alley”, Dan Laustsen;
  • “Il potere del cane”, Ari Wegner;
  • “West Side Story”, Janusz Kaminski.

Miglior montaggio:

  • “Dune”, Joe Walker;
  • “Il potere del cane”, Peter Sciberras;
  • “Don’t Look Up”, Hank Corwin;
  • “Tick, Tick… Boom!”, Andrew Weisblum, Myron I. Kerstein;
  • “Una famiglia vincente – King Richard”, Pamela Martin.

Migliori costumi:

  • “Crudelia”, Jenny Beavan;
  • “Cyrano”, Jaqueline Durran, Massimo Cantini Parrini;
  • “La fiera delle illusioni – Nightmare Alley”, Luis Sequeira;
  • “Dune”, Jacqueline West, Bob Morgan;
  • “West Side Story”, Paul Tazewell.

Miglior trucco:

  • “Gli occhi di Tammy Faye”;
  • “Crudelia”;
  • “Dune”;
  • “House of Gucci”;
  • “Il principe cerca figlio”.

Migliore scenografia:

  • “Dune”, Patrice Vermette, Zsuzsanna Sipos;
  • “Macbeth”, Stefan Dechant, Nancy Haigh;
  • “La fiera delle illusioni – Nightmare Alley”, Tamara Deverell, Shane Vieau;
  • “Il potere del cane”, Grant Major, Amber Richards;
  • “West Side Story”, Adam Stockhausen, Rena DeAngelo.

Miglior documentario:

  • “Summer of Soul (… Or, When the Revolution Could Not Be Televised)”: Questlove, Joseph Patel, David Dinerstein;
  • “Flee, Jonas Poher Rasmussen;
  • “Ascension”, Jessica Kingdon;
  • “Writing with Fire”, Rintu Thomas;
  • “Attica”, Stanley Nelson Jr.

Miglior cortometraggio:

  • “The Long Goodbye”, di Aneil Karia;
  • “On My Mind”, di Martin Strange-Hansen;
  • “Ala Kachuu – Take and Run”, di Maria Brendle
  • “Please Hold”, di KD Davila
  • “The Dress”, di Tadeusz Lysiak.

Migliori effetti speciali:

  • “Dune”;
  • “Bond 25”;
  • “Spider-Man: No Way Home”;
  • “Free Guy- Eroe per gioco”;
  • “Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli”.

Migliore colonna sonora:

  • “Dune”, Hans Zimmer;
  • “Il potere del cane”, Jonny Greenwood;
  • “Encanto”, Germaine Franco;
  • “Don’t Look Up”, Nicholas Britell;
  • “Madres paralelas”, Alberto Iglesias.

Miglior cortometraggio d’animazione:

  • “The Windshield Wiper”, diretto da Alberto Mielgo;
  • “Boxballet”, diretto da Anton Dyakov;
  • “Un pettirosso di nome Patty”, diretto da Daniel Ojari e Michael Please;
  • “Affairs Of The Art”, diretto da Joanna Quinn;
  • “Bestia”, diretto da Hugo Covarrubias.

Miglior cortometraggio documentario:

  • “The Queen of Basketball”, diretto da Lusia Harris;
  • “Lead Me Home”, diretto da Jon Shenk, Pedro Kos;
  • “When We Were Bullies”, diretto da Jay Rosenblatt;
  • “Audible”, diretto da Matthew Ogens;
  • “Tre Canzoni per Benazir”, diretto da Elizabeth e Gulistan Mirzaei.

Academy Award for Best Sound :

  • “Dune”;
  • “West Side Story”;
  • “Belfast”;
  • “Il potere del cane”;
  • “Bond 25”.

Ramona Orefice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...