Categorie
Società e Attualità

Cos’è la resilienza e che valore ha nella nostra vita, soprattutto oggi

Si sente spesso parlare del concetto di “resilienza”, ma sappiamo realmente di cosa si tratti? Siamo in grado di mettere in atto questo processo nella vita di tutti i giorni? 

Bisogna anticipare che questo concetto è presente in diversi campi del sapere, che abbracciano scienza, tecnologia e psicologia. In generale la resilienza non è altro che la capacità di adattamento a qualsiasi cambiamento esterno. Ma oggi ci concentreremo sull’importanza di tale concetto in ambito psicologico e alla fine di questo articolo capirete il perché. 

In psicologia, la resilienza rappresenta la capacità del soggetto di far fronte positivamente agli eventi che possono risultare traumatici. Quindi dinnanzi ad una situazione difficoltosa, critica o traumatica, il soggetto resiliente è colui che riesce a rialzarsi con le proprie forze, nonostante le circostanze possano risultare avverse. 

La resilienza viene vista come una funzione psichica, che ovviamente può variare da persona a persona. Queste variazioni dipendono da caratteristiche strettamente connesse alla psiche del soggetto, dal vissuto e dall’esperienza nella realtà esterna ad egli stesso. Come sappiamo, l’esperienza incide notevolmente nello sviluppo di una persona, sotto vari aspetti, influenzando anche i comportamenti e la percezione che un soggetto si crea di sé stesso. Quindi si tratta di un vero e proprio processo, all’interno del quale si va a costruire il concetto di resilienza.

Questo aspetto è presente sin dalla più tenera età e risulta connesso a sistemi mentali istintuali, tipici della prima infanzia. Con il corso del tempo, questo aspetto si lega sempre più alla sfera affettiva, abbracciando i valori del soggetto, la percezione di sé, la maturazione affettiva e l’apertura sociale. Non bisogna tralasciare il collegamento che si crea con la sfera cognitiva, permettendo alla persona di utilizzare le proprie capacità intellettive (simboliche e razionali) per un’adeguata rielaborazione di un avvenimento esterno ad essa. 

Una persona sembra essere adeguatamente resiliente quando mostra un perfetto equilibrio tra queste diverse componenti. La collaborazione tra questi tre aspetti gioca quindi un ruolo molto importante. 

Vi invito a riflettere sull’importanza della resilienza, in quanto essa diventa un punto di forza ed un’opportunità che può aiutarci a fronteggiare anche i momenti più bui della nostra vita.

Da qui mi ricollego alla realtà odierna. Il problema che noi tutti ci troviamo a fronteggiare oggi mette a dura prova la capacità e la possibilità di essere resilienti. Ci troviamo sopraffatti, investiti da questa grande scena catastrofica, che lascia tanta sofferenza e timore per ciò che ci riserverà il domani. Proprio a causa di ciò, è necessario un potenziamento delle nostre capacità di resilienza, poiché oggi più che mai dobbiamo dimostrare a noi stessi di essere in grado di fronteggiare tutte le difficoltà che si pongono nel nostro cammino. Purtroppo le difficoltà non sono poche e non risparmiano nessuna fascia d’età. Tutti stiamo lavorando attivamente per adattare la nostra realtà sociale a ciò che il momento richiede. Il mondo del lavoro ne ha risentito parecchio, dalle grandi alle piccole attività gestite in proprio, costringendo in alcuni casi ad una chiusura di esse e alla conseguente disoccupazione, sempre più in crescita.

Anche il mondo della scuola è stato rivoluzionato. Le aule sono ambienti in cui bambini e insegnati passano parecchio tempo, esponendosi direttamente a diverse problematiche e a loro volta esponendo le proprie famiglie. Le restrizioni scolastiche hanno avuto un peso enorme nella vita di bambini e adolescenti; soprattutto perché si tratta di un luogo che, al di fuori del nucleo familiare, permette ai bambini di formarsi, socializzare e crescere, rapportandosi con altre idee e contesti.

Non dimentichiamo il sistema sanitario, colpito in modo diretto e devastante. Molte persone si trovano oggi a fronteggiare dei mali che per forze maggiori vengono posizionati in secondo piano, in attesa di condizioni favorevoli. Da un giorno all’altro anche le cose più semplici e scontate sono diventate fonte d’incertezza.

Sembra quasi di vivere un brutto sogno, da cui non riusciamo più a svegliarci e che purtroppo sta condizionando profondamente i nostri rapporti sociali. Si fa avanti una grande paura generalizzata nei confronti del prossimo e questo ci sta pian piano conducendo verso una chiusura in noi stessi. Ma proprio adesso concediamoci il tempo di rivalutare ciò che ci circonda, così da cogliere il valore che si nasconde dietro le piccole cose, quelle che prima erano considerate “normali” nella nostra quotidianità.

Ora vi sembrerà più chiaro il collegamento tra un tema così importante come la resilienza e la vita di tutti i giorni. È fondamentale un grande impegno personale, per far sì che avvenga un potenziamento delle capacità di resilienza, anche nei momenti in cui sembra che tutto stia prendendo una piega negativa. È bene reagire sempre, di fronte ad ogni ostacolo, così da cogliere degli insegnamenti e costruire su di essi qualcosa di nuovo, che possa riportarci ad una condizione di benessere e serenità.

Ludovica Villa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...