Categorie
Catania Musica

Grande chiusura per WonderTime

Orchestra e Coro del Bellini in concerto al Porto di Catania


CATANIA – Si è conclusa ieri al Porto di Catania la manifestazione artistica e culturale WonderTime con un concerto dell’Orchestra e del Coro del Teatro Massimo Bellini.

140 musicisti a suonare per una platea di oltre 500 persone. Si è chiusa ieri la III edizione della rassegna internazionale di arte diffusa ideata dall’imprenditrice catanese Rossella Pezzino de Geronimo, assieme a Daniela Arionte e Pierluigi di Rosa.

Sotto le luci del Terminal Cruise del Porto di Catania sono stati eseguiti brani di Beethoven e di Verdi diretti dalla bacchetta di fama internazionale del M° Luigi Piovano.

Presente sul palco l’Assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Manlio Messina che ha definito Wondertime “un ciclo di cultura di eccezionale valore”, prendendosi un impegno per il prossimo anno “noi siamo la Patria di Vincenzo Bellini, ma non abbiamo un festival belliniano: il paradosso dei paradossi. Insieme al Comune di Catania e a Barbara Mirabella, assessore alle Attività Culturali, stiamo lavorando affinchè nel 2020 si possa inaugurare una stagione con il festival belliniano”.

Durante la serata, organizzata dal direttore artistico Giovanni Cultrera, sono stati eseguiti numerosi celebri brani (dalla Sinfonia n.5 in Do minore di Beethoven al Va’ Pensiero verdiano) che il Maestro Piovano non ha esitato a spiegare, uno per uno.

La III edizione di WonderTime

Iniziata il 30 Giugno, la kermesse culturale ha avuto come tema portante: “Eros che non si trova su Wikipedia”.

Tra le location scelte quest’anno per l’allestimento delle opere d’arte o degli eventi spiccano: il cinema Sarah, il Largo XVII Agosto (nel quartiere Civita, che i catanesi conoscono meglio con il nome chianu a bumma), i palazzi Scammacca, Pedagaggi e Gravina di Reburdone, il Convitto Cutelli e la fermata della metropolitana Giovanni XXIII.

Gli ospiti – artisti di fama mondiale – hanno dato un contributo considerevole allo sviluppo della tematica. Tra questi l’artista francese Sophie Nicole Culiére (con la sua opera audiovisiva “Touch Your Nose, Pull Your Tongue Out”; a seguire Anna Aiello, Viola Lupoi, Ilenia Maccarrone e Carmen Panarello.

Wondertime collabora da oltre tre anni con l’Associazione Culturale Dietro le quinte e con la testata giornalistica Sudpress. “L’idea visionaria che sta alla base del progetto – si legge sul sito dell’iniziativa – è quella di trasformare la città in un laboratorio di arte e cultura”.

Sono stati annunciati, nella serata di ieri, tema e quartiere della prossima edizione. Wondertime tornerà a Settembre 2020 nel quartiere Cibali con il tema “Colore, Calore e Movimento”.

Leonardo Caltabiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...